Denunciamo la subalternità italiana alla Francia MEMO per il vertice Francia Italia del 27 settembre 2017 a Lione Nel corso dell’AlterVertice No TAV Torino-Lione del 16 settembre 2017 (*) è stato denunciato l‘Accordo di Roma del 30 gennaio 2012 che ha previsto l’iniqua ripartizione dei costi del progetto del tunnel transfrontaliero di 57 km tra Italia e Francia del costo di €8,6 miliardi. Il costo totale è infatti posto in

Nous dénonçons la subalternité italienne à la France MÉMO pour le Sommet France Italie du 27 septembre 2017 à Lyon Au cours de l’AlterSommet No TAV Lyon-Turin du 16 septembre 2017 (*) a été dénoncé l’Accord de Rome de 30 janvier 2012 qui a établi la répartition inéquitable du coût de €8,6 milliards du projet du tunnel transfrontalier de 57 km de long entre l’Italie et la France. Le coût

NOTIZIE E DOCUMENTI non solo per PER I MEDIA La Conferenza Stampa dell’AlterVertice No TAV Torino-Lione è quì Le FOTO dell’AlterVertice I VIDEO dell’AlterVertice Da sx a dx: Francesca Frediani, consigliera Regionale Piemonte – Marco Scibona, senatore – Nilo Durbiano, sindaco di Venaus – Guido Montanari, vicesindaco di Torino – Paolo Prieri, PresidioEuropa No Tav – Eleonora Ponte, PresidioEuropa No Tav, interprete – Karima Delli Deputata europea – Daniel Ibanez,

I video dell’AlterVertice No TAV Torino-Lione Venaus, 16 settembre 2017 La Pausa francese della Torino-Lione ha aperto formalmente la ripresa del dibattito in Francia, in Italia e in Europa sul futuro dell’emblematica Grande Opera Inutile e Imposta. Quello che pareva essere un progetto «irreversibile» sta dimostrando i limiti di una concezione vecchia e sprecona. Anticipando il Vertice dei Governi italiano e francese del 27 settembre a Lione, il Movimento No

La Pausa francese della Torino-Lione Iniziano domani a Parigi le Assise della Mobilità Il Movimento No TAV sarà audito a gennaio 2018 dalla Commissione Trasporti del Parlamento Europeo Come anticipato il 19 luglio dalla Ministra Elisabeth Borne quando comunicò la Pausa sulla Torino-Lione, il Governo francese lancia domani martedì 19 settembre a Parigi le Assise della Mobilità. L’inaugurazione sarà fatta dal Primo ministro Édouard Philippe e dalla stessa Elisabeth Borne

CONFERENZA STAMPA IN WEB STREAMING Sabato 16 Settembre 2017 – ore 11.45 La Documentazione per i Media sarà disponibile il 16 settembre 2017 alle ore 12.00  Per contatti: info@PresidioEuropa.net MEDIA KIT ALTER VERTICE NO TAV – ALTER SOMMET, Venaus sabato 16 settembre 2017 ago – 24 – 2017 Venaus, Borgata VIII dicembre, sabato 16 settembre 2017 Partecipazione & Lotta – Usare l’Esistente – Promuovere Mobilità Alternative  Il programma dell’evento, patrocinato

LA CITTADINANZA E’ INVITATA A PARTECIPARE Texte français, voire plus bas PROGRAMMA 9.30 – Benvenuto e Interventi 11.45 – Conferenza Stampa * 13.30 – AperiPranzo ** 15.00 – Tavola Rotonda “Il futuro della Torino – Lione, un’opera predatoria e fallimentare” Dibattito 18.00 – Chiusura dei lavori *** La Pausa francese della Torino-Lione ha aperto formalmente la ripresa del dibattito in Francia, in Italia e in Europa sul futuro dell’emblematica Grande

“L’Italia è al 52° posto nella libertà di stampa” Ringraziamo l’ANSA che ha dato la notizia[1]. Ma libertà per chi ? Libertà per la gente di comprare un giornale in edicola ? Libertà per le imprese di fare pubblicità sui giornali ? Libertà per … di comprare il silenzio, la disinformazione, la manipolazione ? Chi sono i beneficiari di questa libertà illegale ? Normalmente dovrebbero essere i giornalisti a scovarli

2017-07-29-le-dl-grand-projet-letat-freine-le-lyon-turin Pubblichiamo per la comprensione della “pausa” francese alcuni articoli di vari media francesi, le audizioni della ministra Elisabeth Borne all’Assemblea Nazionale e al Senato, estratti dalla legislazione francese.   Il primo articolo è importante  in quanto illustra l’obiettivo delle Assise della Mobilità e le conseguenti decisioni del Governo francese. http://www.ville-rail-transports.com/lettre-confidentielle/assises-mobilite-elisabeth/ 20 Juillet 2017 Lettre confidentielle , Mobilité , Politique , Assises de la mobilité Assises de la mobilité : Elisabeth

Chantier STX Le ministre italien Calenda devant l’annonce de la nationalisation française se met en colère avec le ministre Bruno Le Maire: « Il n’y a aucune perspective pour l’acceptation par l’Italie du 50%, moins de ce qu’ils avaient les coréens, c’est une question de respect et de dignité. Nous ne bougerons d’un millimètre et nous ne le ferons pas mardi 31 juillet. Et ce sera bon pour la France,