Comunicato Stampa -  18 febbraio 2018 Quando si dice la verità non bisogna dolersi di averla detta. La verità è sempre illuminante. Ci aiuta ad essere coraggiosi (Aldo Moro dixit) L’Osservatorio per la Torino-Lione[1] è la “sede tecnica di confronto di tutte le istanze interessate alla realizzazione della Nuova Linea Torino Lione (NLTL), con l’analisi delle criticità e l’istruzione di soluzioni per i decisori politico-istituzionali”, le sue riflessioni servono ad orientare

Fonte: http://presidenza.governo.it/osservatorio_torino_lione/Modello_Esercizio.html (post 27.1.2018) 6.3. LA NECESSITÀ DEL “MONITORAGGIO CONTINUO DEL CONTESTO” IN ACCOMPAGNAMENTO AL PROGETTO La puntuale ricostruzione del processo decisionale e di progettazione ha bene evidenziato come un’opera di questa dimensione e complessità richieda lunghi tempi di analisi, valutazione, decisione e di realizzazione. Accanto a questa evidenza occorre porne un’altra: nel frattempo il mondo non rimane immutabile, ma cambia rapidamente e in maniera così profonda da mettere spesso

Riceviamo e pubblichiamo la traduzione di un interessante articolo dal quotidiano francese Les Echos: Tunnel Lyon-Turin : le projet dans le flou Jean Michel Gradt, 13  Febbraio 2018 Tunnel Torino – Lione : il progetto dall’incerto futuro Responsabile del progetto, la società TELT ha assegnato 90 milioni di euro all’inizio di febbraio a tredici società di consulenza. Una manovra per fare pressione sul governo, affermano gli avversari. La società incaricata del

 http://www.amisdelaterre.org/Les-Amis-de-la-Terre-deposent-un-recours-contre-le-projet-de-tunnel-Lyon-Turin.html Dieci anni dopo la Dichiarazione di Utilità Pubblica (DUP) del tunnel franco-italiano, e mentre il progetto è ancora al punto morto, il governo ha appena firmato un decreto di proroga della DUP. Il ricorso presentato il 7 febbraio 2018 dagli Amici della Terra denuncia tuttavia gravi carenze rendendo precarie le giustificazioni di questo progetto. Da un lato, il costo di questo progetto è in costante aumento: per la sola

Comunicato Stampa 6 febbraio 2018 Torino – Lione Il tempo della decisione è rinviato, ma fino a quando? La Francia ha ingannato un’Italia consenziente ? Il Ministro Graziano Delrio, in visita a Torino il 7 febbraio, ne è al corrente ? Annunciato da mesi dalla Ministra francese dei Trasporti Elisabeth Borne, il Rapporto del COI sulle Grandi Opere francesi è stato reso pubblico il 2 febbraio 2018 e contiene un’inattesa

La lotta e gli argomenti delle cittadine sono stati determinanti Il Primo Ministro francese Edouard Philippe ha dichiarato: “In stretta relazione con il Presidente della Repubblica, il Governo ha preso la sua decisione: constato oggi che non sono soddisfatte le condizioni per realizzare il progetto dell’aeroporto di Notre-Dame-des-Landes.” Edouard Philippe ha quindi aggiunto: “Un progetto, che struttura il territorio per un secolo, non può essere fatto in un contesto di

                                                 http://controsservatoriovalsusa.org                                                        http://www.presidioeuropa.net/blog/ Binaria Book via Sestriere 34, Torino giovedì 11 gennaio 2018 – ore 18.00 presentazione del libro SOLO ANDATA Trasporti, grandi opere e

Ce projet ne doit pas être fait … aussi parce que, si la France déclarera de vouloir le réaliser, la plus grande partie de la facture sera payée par l’Italie La France va bientôt révéler l’avenir du Lyon Turin. À cette fin, le ministre des Transports Elisabeth Borne a confié au Conseil d’Orientation des Infrastructures – COI, présidé par Philippe Duron de « définir une stratégie et une programmation soutenables des

Quest’opera non s’ha da fare … … anche perché, se la Francia dichiarerà di volerla realizzare, la maggior parte della fattura la pagherà l’Italia La Francia svelerà presto il futuro della Lyon Turin. A questo fine la Ministra dei Trasporti Elisabeth Borne ha affidato al Conseil d’Orientation des Infrastructures – COI, presieduto da Philippe Duron il compito di “definire entro la fine di gennaio 2018 una strategia sostenibile e una

Lettera inviata il 22 novembre 2017 da quattro Deputati Europei del M5S alla Commissaria ai Trasporti Violeta Bulc della Commissione Europea Entro la fine del 2017 la Commissione Europea invierà al Parlamento Europeo la Valutazione intermedia sul conseguimento degli obiettivi relativi a tutti i progetti infrastrutturali in corso al fine di decidere in merito al loro rinnovo, modifica o sospensione. Il Parlamento Europeo è chiamato a fornire a sua volta