La Francia ha intanto deciso di non finanziare la Torino-Lione nel 2019 Parte dei fondi UE messi a disposizione del progetto saranno persi a causa dei ritardi di TELT Avviso al Governo italiano: Perché l’Italia deve pagare gran parte del tunnel di base al posto della Francia?    Il 12 novembre a Bruxelles i Ministri Danilo Toninelli ed Elisabeth Borne hanno esaminato lo stato dell’avanzamento del progetto Torino-Lione nel rispetto

Lunedì 12 novembre il ministro Danilo Toninelli incontrerà la ministra dei Trasporti Elisabeth Borne. Siamo in grado di anticipare le parole che la ministra francese comunicherà al suo omologo: “Come lei sa, il Governo francese sostiene la realizzazione del progetto ferroviario Lyon Turin, se lei ha qualche domanda sul  nostro impegno sono qui per rassicurarla.” Sarebbe opportuno che il Ministro Toninelli chiedesse alla Ministra Borne se nel Budget 2019 la

cliccare qui per la Cartellina Stampa Video https://youtu.be/EH9c9tubAkI Introduzione : Paolo Prieri 05’34″ Prof. Angelo Tartaglia 29’01″ Ing. Alberto Poggio 42’37″ Paolo Prieri 46’41″ Domande e risposte : M. Clerico, A. Poggio, P. Prieri, A.Tartaglia Convocazione di Conferenza Stampa 4 novembre 2018 Cartellina Stampa La Commissione Tecnica Torino-Lione (*) e PresidioEuropa  invitano i Media alla Conferenza Stampa Mercoledì 7 novembre 2018, ore 11.30 presso il Circolo della Stampa Sala Roccati

Il Movimento No TAV rivendica il diritto di tutti i cittadini italiani ad investire risorse pubbliche in opere che garantiscano il requisito fondamentale di ” PUBBLICA UTILITÀ “ Stiamo parlando dell’annosa intenzione di realizzare una nuova linea ferroviaria ad alta velocità tra Lione e Torino e dell’accanito dibattito politico scatenatosi a seguito della sua messa in discussione seria e fondata. Un progetto transfrontaliero che da ventinove anni non trova ragioni

La lotta di uno è la lotta di tutti L’autunno del Governo si presenta sulla scena politica con una decisione irrazionale da tutti i punti di vista che appare come una sorprendente continuità del Governo giallo/verde rispetto ai precedenti: fare la TAP. Questa decisione contraddice gli impegni dell’Italia sottoscritti con la ratifica dell’Accordo di Parigi sul clima del 2015 che impongono, tra l’altro, la progressiva limitazione dell’uso dei combustibili fossili

I fondi europei e nazionali disponibili in seguito all’abbandono del progetto Torino-Lione dovranno essere dirottati verso la mobilità alternativa e sostenibile nella Città Metropolitana di Torino e nella Regione Piemonte  Il Governo deve creare discontinuità nella catena di comando del Consiglio di Amministrazione di TELT Il Consiglio Comunale della Città di Torino ha approvato  lunedì 29 ottobre 2018 un O.d.G. contro la Torino-Lione che impegna la Sindaca Chiara Appendino e

COMUNICATO STAMPA No Tunnel TAV Firenze - Movimento No TAV Firenze, 12 ottobre 2018 Conferenza dei Territori contro le Grandi Opere del 6-7 ottobre di Firenze Una Lettera Aperta è stata inviata al Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli Con soddisfazione dei partecipanti e degli organizzatori si è svolta a Firenze sabato 6 e domenica 7 ottobre 2018 la Conferenza dei Territori contro le Grandi Opere Inutili e Imposte organizzata dal

CONFERENZA dei TERRITORI Le Resistenze Nei Territori Difendono & Rilanciano Il Bel Paese No Tunnel TAV Firenze - Movimento No TAV FIRENZE, 6 e 7 OTTOBRE 2018 DOCUMENTAZIONE DELLA CONFERENZA Viva L’Italia che Resiste - Comunicato Stampa 4 ottobre 2018 – Comunicato Stampa 12 ottobre 2018 L’incontro sarà incentrato su due giornate di lavoro: sabato 6 ottobre, dalle ore 15.00, oltre a diversi interventi di gruppi da tutta Italia, ci

Il movimento NO TAV si schiera senza se e senza ma con il sindaco di Riace Mimmo Lucano Negli arresti di Riace disposti dalla Procura di Locri si misura la differenza tra difesa della legalità e vendetta, tra giustizia e rappresaglia, tra un sistema giudiziario che tutela i diritti dei cittadini facendo rispettare la sostanza delle leggi e un meccanismo perverso basato sul classico “due pesi e due misure”. Il

novello lanceur d’alerte – whistleblower 28 settembre 2018 Le sarà di certo capitato, signor Chiamparino, di prendere il treno da Bologna a  Firenze. Ebbene, sappia che lei ha percorso la direttissima, una tratta ferroviaria di 78,5 km dotata di lunghissime gallerie monotubo a due binari non affidabili perché prive di un tunnel parallelo di soccorso, come ha confermato l’ing. Domenico Riccio comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Firenze. Gallerie